Il colonialismo europeo non è sicuramente una pagina gloriosa della storia del nostro continente, ma ha portato effetti di vario genere. Dopo che il Portogallo, la Spagna, i Paesi Bassi, la Francia e l'Inghilterra hanno conquistato, uno dopo l’altro, i territori d'oltremare, gli etnografi, gli imprenditori, i botanici e l'intera amministrazione che controllava la comunità indigena hanno cominciato a trasferirsi nelle colonie appena costituite. Gli europei sono partiti allo scoperta di terre esotiche non ancora esplorate, nuove e quindi eccitanti. Molte volte hanno dovuto trasferirsi con le loro proprietà da un capo all’altro del mondo, e non tutti i mobili massicci potevano essere trasportati senza subire danni nella nuova casa. Gli europei, trascorrendo spesso molti anni nelle loro nuove terre d'origine, hanno finto per fare propri i costumi locali e ad attingere dalle tradizioni delle terre conquistate. Le loro case ospitavano oggetti, utensili e mobili acquistati o ordinati nelle fiere e dagli artigiani locali. All'inizio cambiavano i loro quattro angoli con prudenza, ma col passare del tempo in maniera sempre più audace; ad un certo punto i loro ospiti europei sono rimasti scioccati: chi vive qui, si chiedevano? Gli ambienti assomigliavano un po’ a quelli europei, ma i materiali e le forme esotiche suggerivano un'estetica sconosciuta e intrigante. Mettiti comodo in poltrona e noi Ti condurremo in un viaggio alla scoperta dell’arredamento coloniale. Potrai lasciarti ispirare dai nostri consigli e ricreare tra le Tue mura un angolo di paradiso esotico!

Stile coloniale - salotto - mobili e accessori in stile coloniale

Le tonalità chiare del color sabbia catturano l’attenzione se abbinate con rivestimenti in tessuti delicati color crema o caramello, mentre le tonalità più scure non disdegnano i rivestimenti in pelle scura. La tappezzeria dei mobili in stile coloniale è decorata, ad esempio, con motivo Toile de Jouy che raffigura figure umane blu o color rosso corallo finemente realizzate oppure ghirlande floreali che assomigliano alla porcelanna cinese tradizionale. Nel salotto stile coloniale non possono mancare set di mobili da salotto, un tavolino basso da caffè e cassettiere con numerosi cassetti oppure armadi con vetrione, rifiniti dai migliori intagliatori. Il tutto sarà esaltato da lampade a sospensione e da terra in bronzo, oro o ottone, nonché dalla flora tipica di una determinata zona del mondo.
E poi: evviva il legno! Esistono diversi tipi di classificazione di questo materiale, la più comune é la classificazione in base al continente da cui proviene oppure ai colori che lo contraddistinguono. Qui sotto abbiamo raggruppato le specie di legno esotico in base ai due criteri suddetti. Grazie alla nostra lista saprai quale tipo di mobili si addice meglio ad una maschera africana, un paravento asiatico o un tam-tam sudamericano, creando una composizione coerente ed uniforme. Oltre ai valori visivi, il legno esotico ha un’ottima adattabilità alle condizioni meteorologiche avverse. Resiste all’umidità e al calore.

Classifica in base ai colori:

  • brillante (toni sia chiari che caldi): guatambu, tauari, samba, badi, cedro
  • marrone caldo: doussie, sapelli (con un pizzico di color porpora)
  • marrone e marrone scuro: merbau
  • scuro, tendente al nero: ebano
  • marrone con sfumature rosse: kempas, padouk, meranti, jatoba (anche nelle tonalita’ dell’arancione)
  • in varie tonalità: afromosia, iroko (che va dal giallo miele al marrone cioccolato), wengé, teak, okume, ipe, palissandro, ebano, makasar, amazaque

In base alle origini:

  • Africa: samba, badi, doussie, sapelli, merbau, ebony, padouk, afromosia, iroko, wenge, okume, amazaque
  • Asia: cedro, ebano makassar, kempas, meranti, teak
  • Sud America: guatambu, tauari, jatoba, ipe, palissandro

salotto stile coloniale
carta da parati giungla

Sunny Jungle

Carta da parati nr: 127066

vedi prodotto

Stile coloniale accessori: i gingilli più affascinanti

L’arredamento coloniale ti dà un ampio margine di manovra. Approfittane per sviluppare la Tua creatività! Sugli scaffali o sulle pareti puoi esporre il bottino dei tuoi viaggi d’oltremare. Dai risalto alla Tua anima di viaggiatore attraverso complementi d’arredo tipici dello stile vintage: una valigia o un baule che Jack Sparrow avrebbe portato con sé, anche vecchie incisioni a stampa e carte geografiche che fanno capolino con orgoglio dalla carta da parati, oppure un modello di una nave fatta di legno di sandalo. Se non sei mai stato in un paese esotico, nulla è perduto: sul mercato locale troverai oggetti importati dall’estero, perfetti per completare l'arredamento stile coloniale. Gioca con la forma, soprendendo piacevolmente te stesso e i tuoi ospiti! Questo stile rigetta la noia!

Giappone

Maneki neko è una statuina di gattino seduto, disponibile in diverse versioni cromatiche. Attraverso la zampa alzata il gattino garantisce al suo padrone benessere e felicità. Se non sei nato/a con la camicia, prenditi cura della tua dolce vita alla giapponese :)! Un altro souvenir interessante del Giappone consiste in una bambola kokeshi fatta in legno, tanto carina, tanto kawaii. Esprimi il Tuo amore verso il Giappone attraverso tessuti con il motivo più giapponese, la carpa decorativa koi. Ti sei mai chiesto che tipo di ventaglio usano le geishe per coprire il loro viso? Il ventaglio Uchiwa con manico in bambù ha una forma simile alla foglia carnosa di monstera e, contrariamente al ventaglio di senso, diffuso in Europa, non è estensibile.

Asia sudorientale

L’Africa non ha l’esclusiva sulle maschere che fanno da decorazioni murali. Tali oggetti si possono acquistare anche in Cina. La Cina ci tenta con ombrelli dipinti a mano e con gli jianzhi – ritagli di carta, di solito di color rosso. Nel soggiorno coloniale, ispirato alla Cina, non possono mancare soprattutto statuine di porcellana e lanterne di carta con il motivo prediletto del drago oppure dell’airone. Sulle pareti puoi appendere una tela decorata con la ricercata grafia cinese oppure motivi indiani dipinti a mano su seta, ad esempio scene della caccia alla tigre. Tra i motivi che non usciranno mai di moda a questa latitudine ci sono, raffigurati su paraventi, quadri, poster o tessuti, il mandala e il chakra. Il carattere efimero di questa cultura può essere sottolineato attraverso carillon a vento, camini per aromaterapia e lanterne di alghe marine nonché statuette di Buddha, grandi e piccole. Lo stile coloniale ispirato al Tibet ma senza Buddha, è come un corpo senza braccia. Il Giappone ha il suo maneki neko, mentre nell'India monsonica è l’elefante a portare fortuna. Ad ogni angolo di un mercato di bancarelle indù ti imbatterai in una maschera di legno con la divinità Ganesha a forma di elefante.

Iran

I must-have assoluti dei territori dell'antica Persia includono i kina kari – recipienti di rame a forma di cupola di moschea, tra i quali primeggia il colore fiordaliso, scatole di legno intarsiate per gioielli khatam kari o tessuti di lana chiamati terme, per non parlare dei famosi tappeti persiani. Non passerai indifferentemente di fronte ai tessuti di questo paese: il motivo a forma di goccia paisley, che proviene dall'antica Persia, è oggigiorno molto apprezzato nell’ambito del design.

Africa

In tutta la ricchezza antropologica e zoologica dell'Africa, meritano la tgua attenzione soprattutto le maschere del Congo, dai nomi tanto graziosi: kwami, pene, mbundo. Prendendo ispirazione dal Marocco, introduci nel Tuo ambiente tessuti con il motivo del trifoglio marocchino oppure applica su un camino in marmo (elemento tipico dello stile coloniale) i campanelli dei pastori, raccomandati dai pastori marocchini. L'Egitto non ti perdonerà se non usi nel Tuo ambiente papiri o altri motivi tipici dell’Africa, tra cui:

  • statuette: leone, ippopotamo, coccodrillo o scorpione
  • zebra in bianco e nero
  • macchie di leopardo
  • pelli di serpente

Molto importante nello stile coloniale è l’attenzione ai dettagli. Non conservare piccoli oggetti dovunque, smuovi mari e monti per trovargli una dimora in contenitori e cassettine decorate in maniera originale. Che ne dici di un piccolo scrigno a forma di tartaruga che nasconde i tesori più preziosi sotto il guscio, oppure di un portacandele dorato a forma di palma?

Salotto in stile coloniale - soluzioni arredative

Se hai già selezionato i mobili e gli accessori caratteristici, completa l'arredamento stile coloniale usando decorazioni murali opportune. Ti consigliamo di optare per una delle due seguenti soluzioni. Lo stile coloniale reca in sé molte caratteristiche dello stile vintage e per poter riprodurlo tra le Tue mura, conviene utilizzare riproduzioni di pittori dell’epoca coloniale legati a una zona concreta. Ecco un esempio di influenze giapponesi e polinesiane nell’ambito della pittura. Non esiste l’arte giapponese senza Hokusai Katsushiki la cui opera intitolata „La grande onda di Kanagawa” è da anni un bestseller tra le riproduzioni pittoriche. L’artista ha raffigurato nelle sue opere anche i paesaggi montuosi del Giappone, protagonisti di leggende e scene tratte dalla vita dei pescatori. Non restare indifferente alla maestria pittorica di un altro artista giapponese ,Utagawa Hiroshige che si dedicava a soggetti simili a quelli delle opere di Katsushiki. A sua volta, Paul Gauguin , pittore francese, ha donato il suo cuore alle isole coralline della Polinesia e ha dedicato la gran parte delle sue opere a temi connessi con la vita delle tribù polinesiane. Senz’altro conoscerai uno dei quadri più famosi di Gauguin, intitolato „Donne tahitiane sulla spiaggia”. All'ombra di ampie spiagge, ragazze di carnagione scura in abiti dai color fiabeschi fanno passare tra le dita la sabbia calda e fine, pensierose e come insensibili al fascino della natura che le circonda. A che cosa stanno pensando, immerse nei loro pensieri? A che cosa penserai tu, guardandole in casa tua?
Le spedizioni di etnografi nelle colonie hanno portato alla scoperta di nuove specie di piante e di animali. Soggetti vintage con scimmie, giungla e palme, raffigurati su poster oppure su carta da parati sono il nostro suggerimento dare un tocco finale all’ambiente in stile coloniale. Se Ti interessa una versione più moderna del salotto stile coloniale, probabilmente Ti piaceranno i quadri africani che quest’anno sono uno dei trend nel design. Il sole sotto forma di palla infuocata che scompare all’orizzonte, abbinato ai mobili fatti di legno sapelli e alle maschere mbundu darà vita ad una composizione perfetta.

La creatività è il secondo nome del salone coloniale, quindi alza le vele e parti con noi per un viaggio attraverso terre lontane, alla scoperta di soluzioni creative per arredare l’ambiente più rappresentativo della Tua casa.

Scegli un quadro in stile coloniale